» Home»Rubriche»Ambiente»Rischio idrogeologico nella BAT: sottoscritto disciplinare per interventi di mitigazione.

Rischio idrogeologico nella BAT: sottoscritto disciplinare per interventi di mitigazione.

Martedì, 13 Marzo 2012

Un disciplinare che regolerà la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico su tutto il territorio della provincia Barletta – Andria – Trani è stato sottoscritto dal Presidente Francesco Ventola e il Commissario Straordinario Delegato per la Puglia per l’attuazione degli interventi in questa materia, Maurizio Croce.

Con la sottoscrizione del suddetto disciplinare, la Provincia si rende disponibile a prendere in carico le fasi di progettazione ed esecuzione degli interventi, affidati dal Commissario Straordinario e ricadenti nel proprio territorio.

I lavori in questione fanno riferimento “all’Accordo di Programma” finalizzato alla programmazione e al finanziamento d’interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico stipulato il 25 novembre 2010 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e l’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia, con fondi che ammontano a 5 milioni di euro che saranno utilizzati per la manutenzione ordinaria degli argini del Fiume Ofanto.

L’impegno concreto della Provincia riguarda la progettazione e la realizzazione d’interventi lungo il Fiume Ofanto, per i quali l’Autorità di Bacino della Regione ha già predisposto uno studio di fattibilità.

La Provincia, ha detto il Presidente Ventola, con “una visione plurale e integrata della Valle dell’Ofanto, garantirà tutto il proprio supporto in questa fase delicata, indirizzando i propri sforzi verso il rafforzamento e il consolidamento di un’identità di questo territorio legata alla sua vocazione agraria nella moderna accezione multifunzionale e sostenibile in grado de poter convivere con i requisiti e gli obiettivi di biodiversità richiesti dalla Comunità Europea e previsti dal nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale.”.

Conseguentemente, ha aggiunto Ventola, “partirà da qui, un’azione propositiva verso lo strumento che oggi raggruppa tutti questi aspetti, cioè il Parco Regionale Naturale del Fiume Ofanto. In tal senso, d’intesa con i comuni, ci siamo candidati a essere individuati come soggetto gestore del Parco e il prossimo 26 marzo sarà l’occasione, in concerto con la Provincia di Foggia, per proporre nuove soluzioni e ipotesi di lavoro all’Assessore regionale, Angela Barbanente.”.

Leggi tutto:

www.tgbat.it

Articolo letto 1888 volte Condividi questo articolo 0 commenti - Commenta »