» Home»Rubriche»Attualità»Ventola su Depuratori: “La Provincia in prima linea”.

Ventola su Depuratori: “La Provincia in prima linea”.

Lunedì, 28 Maggio 2012

La Provincia ha avuto un ruolo determinante nell’operazione “Dirty water”, lo afferma il Presidente della Provincia di Barletta – Andria – Trani, Francesco Ventola, in merito all’operazione condotta dal gruppo della Guardia di Finanza di Barletta e dalla Capitaneria di porto di Bari, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani, che ha portato al sequestro probatorio dei quattro impianti di depurazione delle acque reflue di Molfetta, Trani, Barletta e Andria e alla notifica di 21 informazioni di garanzia.

«Proprio perché a conoscenza delle condizioni critiche in cui versano i depuratori delle tre città capoluogo, i nostri uffici competenti non hanno rilasciato la proroga per l’autorizzazione allo scarico dei reflui – spiega Ventola -. In un tavolo tecnico del 5 marzo scorso, infatti, la Provincia asseriva che “in considerazione del ripetuto superamento dei limiti tabellari previsti dalla normativa vigente, lo scarico delle acque reflue derivanti dai depuratori potesse rappresentare una fonte d’inquinamento del sottosuolo e un potenziale pericolo per la salute pubblica; condizioni che non permettono alla Provincia di rilasciare alcuna autorizzazione”. Considerazione in pratica identica era formulata in un altro atto pubblico del 27 marzo, quando in una Conferenza dei Servizi era ribadito il diniego dell’autorizzazione. E’ sufficiente dare lettura a questi documenti, puntualmente riportati dagli organi d’informazione, per comprendere il ruolo decisivo assunto dalla Provincia da cui è scaturita l’operazione – conclude Ventola -. A questo punto, non resta che attendere fiduciosi che la Magistratura competente faccia il suo corso, facendo pienamente luce sulla vicenda».

Leggi tutto:

www.tgbat.it

Articolo letto 2475 volte Condividi questo articolo 0 commenti - Commenta »