» Home»Rubriche»News»Finanziamenti alla cultura e lo spettacolo in puglia

Finanziamenti alla cultura e lo spettacolo in puglia

Mercoledì, 23 Novembre 2011

Finanziamenti alla cultura e lo spettacolo in Puglia: 27 dicembre scadenza termini presentazione domande

Sviluppo di attività culturali dello spettacolo - POR Puglia 2007 - 2013.

Fino al prossimo 27 Dicembre sarà possibile presentare domanda per aver accesso ai finanziamenti erogati dalla Regione Puglia relative alla misura PO FESR2007-2013 Linea 4.3 - Azione 4.3.1 relativi allo sviluppo di attività culturali.

Gli obiettivi cardini della misura sono favorire l'innovazione, generare un connubio virtuoso tra contenuti culturali ed evoluzione tecnologica, contrastare il fenomeno della chiusura delle sale cinematografiche nei centri storici pugliesi e il consolidamento dello sviluppo qualitativo delle imprese dell'esercizio cinematografico attraverso agevolazioni algli investimenti innovativi rivolti alla realizzazione, al miglioramentoed all'adeguamento tecnologico e digitale delle sale pugliesi.

Continua a Leggere su Sviluppo di attività culturali dello spettacolo - por puglia 2007 2013 - Finanziamenti Puglia by www.agevolazioni.puglia.it

FINALITÀ
Introduzione di fattori di innovazione capaci di generare un connubio virtuoso tra contenuti culturali ed evoluzione delle tecnologie utilizzate
Contrasto del fenomeno della chiusura delle sale cinematografiche nei centri storici pugliesi


Consolidamento dello sviluppo qualitativo delle imprese dell’esercizio cinematografico attraverso agevolazioni agli investimenti innovativi rivolti alla realizzazione, al miglioramento ed all’adeguamento tecnologico e digitale delle sale pugliesi

TERMINI DI PRESENTAZIONE
Il termine ultimo per la presentazione della domanda è fissato al 27 dicembre 2011.

BENEFICIARI
Microimprese che svolgono attività di proiezione di film o videocassette nei cinema, all'aperto o in altre sale di proiezione
Associazioni o Fondazioni che esercitano attività di impresa, regolarmente iscritte alla CCIAA che svolgono attività di proiezione di film o videocassette nei cinema, all'aperto o in altre sale di proiezione
In possesso dei seguenti requisiti:

1.avere una sede operativa in Puglia;
2.essere regolarmente iscritti presso la CCIAA ed avere il Codice ATECO 59.14.00;
3.essere titolari e/o proprietari e/o gestori, di una sala cinematografica con numero di schermi non superiori a quattro;
4.non avere in corso contenziosi con gli Enti previdenziali ed assistenziali e/o provvedimenti o azioni esecutive pendenti dinanzi all’Autorità Giudiziaria;
5.non avere in corso procedimenti amministrativi connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche.

AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI
L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% del totale delle spese ammissibili, secondo la regola del regime de minimis.
Il totale delle spese ammissibili del progetto non può superare, per ciascuna sala cinematografica, la soglia massima di euro 80.000,00.
Sono ammissibili le spese sostenute dopo la presentazione della domanda di contributo ed entro e non oltre i 6 mesi successivi alla data del Decreto dirigenziale di ammissione all’intervento.

RISORSE DISPONIBILI
Euro 1.300.000,00.

SPESE AMMISSIBILI
1.acquisto di apparecchi di proiezione e riproduzione digitale di nuova fabbricazione;
2.acquisto di impianti e apparecchiature per la ricezione del segnale digitale via satellite di nuova fabbricazione;
3.spese connesse e strumentali per l’adeguamento strutturale della cabina di proiezione, degli impianti e dei servizi e locali adibiti, alla data di presentazione della domanda di contributo, alla proiezione mediante pellicola fino al massimo del 15 % del totale delle spese ammissibili

NORMATIVA DI RIFERIMENTO
PO FESR 2007-2013 - Linea 4.3 - Azione 4.3.1
Servizi di promozione, comunicazione, infrastrutturazione tecnologica e digitale, per la valorizzazione turistica del territorio e dei beni e contenitori culturali ai fini dell’attrattività delle location pugliesi per produzioni cinematografiche e televisive.

fonte asaonline

Continua a Leggere su Sviluppo di attività culturali

Articolo letto 2347 volte Condividi questo articolo