» Home»Rubriche»Sport»Torre-Pino, un inizio prevedibile

Torre-Pino, un inizio prevedibile

Domenica, 6 Settembre 2009

C'era da aspettarselo. O meglio, c'era che non si poteva pretendere di più dopo una settimana appena di preparazione e con un gruppo che per 6/12 è nuovo rispetto alla passata stagione. Del resto, lo stesso pensiero coinvolge un pò tutti i protagonisti del match, a cominciare da mister Mazzone e il presidente Pantone. "Chiaramente bisogna migliorare ancora tanto - ammette Giuseppe Mazzone - a cominciare da questa sconfitta. I ragazzi nella prima parte di gioco hanno dimostrato di sapersi applicare. Siamo stati capaci di fare pressing e stare al passo con gli avversari. Poi nella ripresa siamo calati. Essendo una rosa molto giovane non si può pretendere di più. Al di là del risultato va detto che il loro portiere ha compiuto diversi interventi decisivi". Non troppo distanti le impressioni del presidente Carmine Pantone: "Come ho visto la mia squadra? L'ho vista bene. Si sono viste delle buone cose. La differenza nel risultato l'ha fatta il livello di preparazione. All'inizio infatti avevamo una buona quadratura tattica. Anche su palla da fermo si sono viste buone intese. Poi quando siamo andati sotto dopo aver speso tanto, il risultato è stato una naturale conseguenza del calo fisico. Questa tuttavia è solo una piccola parentesi negativa. Tra l'altro per il risultato, ma non per la prestazione". Ecco, parliamo del risultato: parliamo dell'1-4 maturato durante i 60 minuti giostrati alla grande dal duo Caracozzi-Schiavulli (per dovere di cronaca, meglio il primo). Che dire dunque? Fin quando le gambe hanno retto la Torre-Pino c'era e si sentiva. Non a caso è stata già sottolineata la prestazione "importante" del numero 1 Sardone. Quando poi il peso della preparazione cominciata appena lunedì è venuto fuori, i padroni di casa hanno tirato un pò il piede dall'acceleratore finendo col lasciare sempre più campo agli avversari. Grandi mattatori della serata il capitano della Tris Gravina Lorusso (autore di una tripletta, al 21' al 30' e al 54') e il numero 1 Sardone. L'altra rete porta la firma del numero 6 Sardone al 42'. L'unico sigillo dei biancoazzurri arriva dall'instancabile capitano Giuseppe Conca al 28' della prima frazione di gara. Tutto sommato, dicevamo, un match da non buttare via ma, anzi, dal quale ripartire recuperando le cose buone viste. E di cose buone ce ne sono state. Ad ammetterlo, in fondo, sono gli stessi ospiti. Capitan Lorusso analizza così il match: "E' stata una partita abbastanza equilibrata, tipica di inizio stagione, dovuta anche alle condizioni fisiche precarie delle due squadre. Probabilmente abbiamo vinto grazie ad una maggiore esperienza. Ho visto una Torre-Pino molto giovane, che deve crescere ancora tanto. La qualificazione tuttavia non è ancora nostra. Dovremo impegnarci anche al ritorno. Sono molto contento della mia prestazione. In generale credo che non si poteva fare di meglio". Sulla stessa riga le impressioni di mister Nicola Gallo: "Per il primo tempo mi posso ritenere soddisfatto: dopo solo due settimane di preparazione insomma non potevo pretendere di più. Nella ripresa siamo usciti fuori meglio degli avversari, perché si è vista la settimana in meno di preparazione della TP. Avrei preferito che i miei ragazzi fossero stati più incisivi per chiudere prima la gara, ma va bene così. Se dovessi fare due nomi direi Toni Daddario, su tutti, perché è il ragazzo che sta lavorando più duramente e si sta adattando ad un ruolo nuovo, e poi mi è piaciuta molto la prontezza del nostro portiere Sardone, che era all'esordio con noi". E che esordio! Quanto alla Torre-Pino, da domani si tornerà a fare nuovamente sul serio. La preparazione precampionato entra nel vivo. Ripartire da quanto visto ieri: questo deve essere il primo impulso! Un impulso che, ne siamo certi, potrà portare molto lontano.

Articolo letto 1416 volte Condividi questo articolo