» Home»Rubriche»Sport»Torre-Pino, il Punto

Torre-Pino, il Punto

Lunedì, 26 Ottobre 2009

CAMPIONATO
In quel di Cerignola sarebbe dovuta andare di scena la 5^ giornata del Campionato di Serie C1 2009/2010, che vedeva opposte la Futsal Cerignola e la Torre-Pino di mister Pantone. Ma, complice un tempo tutt’altro che stabile o meglio, stabile nella sua instabilità, e complice un campo da gioco poco “permeabile” alla pioggia caduta copiosa sul centro dauno, alla fine di futsal giocato nemmeno l’ombra. Detto, fatto: rinvio a data da destinarsi. Forse, meglio così, visto che tra le fila dei biancoazzurri c'erano assenze pesanti. A quelle già note di Conca, Moschetta, Micello, Camporeale e Carlucci l'ultima in ordine di tempo prende il nome di Antonello Minervino, out a causa di un "eccessivo sforzo muscolare" che lo costringerà ad un paio di settimane di stop. La settimana prossima intanto, scenderà al Comunale di Spinazzola la capolista Virtus Mola: 18 punti guadagnati finora, frutto di 6 vittorie in altrettanti incontri, con ben 36 reti fatte e appena 13 subite. Vittime illustri dei Corona boys in questo scorcio di stagione sono state Nettuno, Aiace Conversano e Brindisi Elevatori. Guarda caso, le stesse incontrate dalla Torre-Pino nelle ultime 3 giornate di campionato. Peccato però che ai 9 punti fatti dalla Virtus corrisponda di contro un solo punto racimolato dagli uomini di mister Pantone, nel pareggio esterno di Brindisi. Insomma il match si presenta certamente non facile, ma la storia spinazzolese insegna che non bisogna mai arrendersi.


CALCIOMERCATO
Nel frattempo, si registrano movimenti in entrata per quanto riguarda il calciomercato. Vicinissimo al rientro il centrale difensivo Mameo Domenico, fermo da diverse stagioni a causa di una lunga squalifica. Il suo apporto andrà ad aggiungersi a quello degli italo-brasiliani Claudio e Rafael Giorgio. Classe 82, ruolo laterale difensivo il primo; classe 85 laterale offensivo il secondo. Per entrambi esperienze nel futsal in Brasile. In Italia, precisamente nel Veneto, solo calcio a 11 con diverse apparizioni in categorie come Eccellenza e Promozione.


IL PUNTO
Dopo aver perso malamente punti per strada (vedi Brindisi e Spinazzola in casa contro l’Aiace), in casa Torre-Pino è tempo di fare un po’ il punto della situazione. Abbiamo chiesto numi ad Antonio De Sario, numero 4 e anima dei biancoazzurri. Questo il suo pensiero in vista del delicato match di sabato prossimo contro la capolista Virtus Mola: “Innanzitutto speriamo che per sabato rientri Camporeale. Senza nulla togliere agli uomini che abbiamo ma il suo apporto contro la Virtus potrà risultare decisivo. Sarà sicuramente un match delicato”. Facciamo un passo a ritroso. Due sconfitte senza attenuanti nelle prime due di campionato, alle quali segue l’esonero di mister Mazzone. Quando in panchina poi rientra Carmine Pantone la Torre-Pino torna a giocare il futsal che conosce bene e comincia a macinare anche punti importanti (vedi vittoria sul Fasano). Tuttavia, negli ultimi 75 minuti di futsal giocato (gli ultimi 15 di Brindisi e i 60 di Spinazzola contro l’Aiace) qualcosa non è andato per il verso giusto. Come mai Antonio? “Guarda, io l’ho sempre detto: purtroppo quel modo di giocare, per noi che eravamo abituati alla zona, non faceva per noi. Quindi abbiamo pagato quella situazione perdendo le prime partite, con parziali anche eccessivi forse. Nelle altre partite invece abbiamo alternato cose buone a sbandamenti che hanno condizionato il risultato finale. Contro il Brindisi eravamo in vantaggio e dovevamo gestirlo meglio. Se non fosse stato per questi errori sicuramente ora in classifica staremmo meglio. Dobbiamo migliorare ancora tanto". La situazione attuale? “Mah, l’aria che si respira è tranquilla. C’è voglia di lavorare, di migliorarsi e fare risultati. Le sensazioni insomma sono positive. Poi a breve avremo in più l’apporto di tre giocatori come Rafael, Claudio e Mameo che al momento ci servono come il pane. Rafael e Claudio tecnicamente sono due ottimi giocatori, e sono convinto che capiranno subito i meccanismi del mister. Anzi, già da ora si sono integrati abbastanza bene. Per noi, il loro apporto, potrà essere solo un vantaggio". In chiusura, quali sono gli obiettivi stagionali? “In primis la salvezza. Dobbiamo evitare ad ogni costo la lotteria playout. Poi se arriva qualcosa di meglio, ben venga. Ma ora, conoscendo le nostre potenzialità, sarebbe meglio restare con i piedi per terra e puntare solo alla salvezza".

Articolo letto 1679 volte Condividi questo articolo