» Home»Rubriche»Sport»Perfetta fino al 47°, poi il buio: Torre-Pino ci risiamo?

Perfetta fino al 47°, poi il buio: Torre-Pino ci risiamo?

Mercoledì, 25 Novembre 2009

Cerignola. Recupero della 6° giornata del Campionato di Serie C1 09/10: di fronte Futsal Cerignola e Torre-Pino Spinazzola. Arbitrano i signori Gargano e Rafaschieri della sezione di Bari. Mister Pantone dovendo rinunciare agli ormai ex Claudio e Conca, manda in campo Camporeale, Mameo, Cristiano, Minervino e De Sario. Risponde mister Trallo con lo starting five composto da Diliddo, Castriotta, Lionetti, Zerulo e Dinunno.

Prima frazione di gioco avara di emozioni. Le squadre in campo risultano essere molto compatte, il che equivale a dire: niente spazi liberi. Le occasioni migliori capitano quindi su tentativi da fuori area: al 6° Camporeale si esalta su Castriotta. 7 minuti dopo Santangelo riesce a bucare la difesa avversaria ma sul più bello non gli riesce il dribbling al numero 1 spinazzolese. Dall'altro lato del campo il più pericoloso è Minervino, che cerca il secondo palo: Diliddo è attento e sventa il pericolo. Allo scoccare del 22° grande azione del Cerignola, che porta alla conclusione il capitano Castriotta: il palo salva Camporeale! Nel primo ed unico minuto di recupero concesso nel primo tempo, intervento decisivo di Diliddo su Minervino. La prima frazione termina dunque a reti bianche: 0-0.

Chi pensa ad un secondo tempo simile al primo si sbaglierà di grosso. La partita, complice forse un po’ di stanchezza (visto che entrambe le squadre arrivano all'appuntamento con gli uomini contati), cambia totalmente volto e le occasioni si alterneranno vertiginosamente. Castriotta al 1° fa le prove generali al gol imminente, ma Camporeale è attento. Passano meno di 60 secondi ed ecco il vantaggio dei padroni di casa: Santangelo spara un missile sotto la traversa, imparabile. 1-0. Ma il pari della Torre-Pino è immediato: De Sario firma l’1-1. Ancora De Sario protagonista: tutto solo spara alto sulla traversa. Minervino cerca il gol di testa ma Diliddo non si fa sorprendere. Un minuto dopo però il numero 1 del Cerignola dovrà capitolare per la seconda volta a causa di un gran tiro dalla distanza di capitan Cristiano. 1-2. Minervino, in vena di grandi numeri quest'oggi, ci prova in semirovesciata. Fuori. Tra le fila del Futsal Cerignola il più pericoloso è senz’altro Santangelo, il quale però non ha fatto i conti con “Sapo” Camporeale: intervento decisivo all'8° e risultato invariato. Al 10° Zerulo mette paura a tutti i presenti; con un bolide dalla distanza che centra in pieno l'incrocio dei pali. Il pallone regge all'urto e il match continua. Due minuti dopo la Torre-Pino raddoppia il vantaggio: De Sario, ancora lui, si inventa un gran gol con un tiro al volo che spiazza Diliddo. 1-3, l’impresa Torre-Pino è vicina. Impresa che potrebbe concretizzarsi definitivamente 60 secondi dopo. Moschetta ruba palla e parte in contropiede (3 contro 1), il suo tentativo però si spegne a lato. Prima avvisaglia di un imminente catastrofe. Al 17° Camporeale in seguito ad un intervento sul solito Santangelo si fa male ed è costretto ad abbandonare il campo di gioco. In questi frangenti capita di tutto e di più. La squadra va letteralmente nel pallone ed il Futsal Cerignola ne fa un sol boccone. Dinunno si regala la personale doppietta in appena 3 minuti: in entrambe le occasioni viene lasciato completamente libero a due passi dall’incolpevole Mangione. 3-3. Camporeale nonostante il dolore decide di rientrare. Ma al 26° Zerulo direttamente da calcio piazzato porta a termine la clamorosa rimonta: il pallone passa prima in mezzo alla barriera e poi sotto le gambe del numero 1 spinazzolese. 4-3. Il buio! La Torre-Pino ormai sbanda vistosamente. Santangelo prima e Dinunno poi si divorano due gol fatti. Sul versante opposto l’ultimo intervento decisivo di Diliddo a sancire la sconfitta degli ospiti. L’ultima emozione giunge al 3’ minuto di recupero. Fallo da ultimo uomo di Mameo su Castriotta ed espulsione diretta. Al danno, la beffa. Non tanto per una presunta ingiustizia commessa dal duo Gargano-Rafaschieri, i quali hanno diretto una splendida partita e nell’occasione applicato alla lettera il regolamento, quanto per il futuro che ora attente la Torre-Pino: già carente di uomini, la Pantone Band in quel di Taranto dovrà fare a meno anche di Mameo, elemento importante dello scacchiere biancoazzurro. E con Camporeale a rischio, le premesse sembrano tutte contro. Triplice fischio finale. Il Futsal Cerignola si impone per 4-3.

Come cambiano le sorti di un match in appena 12 minuti. Da un vantaggio di due reti alla sconfitta. Dal sorriso al pianto. In un colpo solo la Torre-Pino è riuscita a perdere testa, cuore e Mameo. La fortuna di sicuro, in questo periodo, non ci sta assistendo. Ma (la nostra storia lo dimostra) è in queste occasioni che la Torre-Pino si fa grande e porta a casa le imprese più insperate. E' in queste occasioni, quando c'è da mettere in gioco anche il cuore, che la Torre-Pino reagisce e zittisce tutti. A Taranto sarà dura, e non può essere altrimenti, ma statene certi che gli uomini di mister Pantone venderanno cara la pelle, come sempre…

Articolo letto 1600 volte Condividi questo articolo